Perdite Forex: ecco come salvaguardare il proprio conto, parte 4

Perdite Forex: ecco come salvaguardare il proprio conto, parte 4

Scritto da:
The Economist
Categoria:
Forex
Ultimo aggiornamento:
8 novembre 2012



Vediamo in questo articolo l’ultima serie di errori che non bisognerebbe mai fare nel mercato delle valute forex e che ci portano a perdere denaro. L’errore numero 5 è quello di pensare che è possibile fare soldi nel Forex senza lavoro. Alcuni investitori pensano che sia possibile guadagnare denaro nel mercato delle valute Forex senza lavoro, ma in  realtà questo è un grosso errore. Il mercato delle valute forex è in realtà un mercato in cui la maggior parte delle persone perdono soldi. Se si vogliono guadagnare soldi è necessario lavorare duro, educare se stessi, utilizzare i migliori prodotti e dedicare tanto tempo alla conoscenza del mercato delle valute e a migliorare le proprie strategie. Questo è l’unico modo possibile per fare soldi nel Forex.

L’errore numero 6, che è poi l’ultimo errore che andiamo a vedere, è quello di utilizzare un broker non buono. Alcuni trader decidono di investire con un broker affidabile e imparano che è semplicemente impossibile fare soldi se si sta utilizzando un broker negativo. Se il broker ha delle cattive esecuzioni o carica troppo gli spread, allora ci si trova in grande svantaggio rispetto ad altri operatori.

Se il proprio broker non offre buone piattaforme o grafici precisi, si ha bisogno di pagare a parte per avere delle piattaforme o dei grafici buoni, con cui poter guadagnare, dato che se ci affida ai grafici del broker “errato” si rischia solo di sbagliare.

Ci sono tante persone che aprono, inoltre, dei conti con dei broker non regolamentati. Questo è un rischio enorme, dato che se tali intermediari decidono, per qualunque motivo, di bloccare i propri soldi, allora si perde tutto e non si avrebbe la possibilità di fare nulla contro questa decisione. Per contro, un intermediario regolamentato offre un grado di sicurezza decisamente elevato, ottimo per tutti i trader.

Lascia un Commento