Regole del Money Management

Regole del Money Management

Scritto da:
The Economist
Categoria:
Forex
Ultimo aggiornamento:
17 dicembre 2010



Nel settore emergente della psicologia finanziaria, degli studi hanno dimostrato che anche con una probabilità di guadagno del 60%, solo il cinque per cento dei trader riuscirà a guadagnare denaro entro la fine dell’anno. Nonostante le probabilità di guadagno del 60%, il novantacinque per cento dei trader che perdono denaro non hanno mai imparato la gestione del denaro. L’amministrazione del proprio denaro è la parte più importante di qualsiasi sistema di trading e sorprendentemente alcuni commercianti non riescono a capire quanto sia prezioso questo strumento.

In parole povere, la gestione del denaro è quanto denaro si investe su una sola posizione e, viceversa, la quantità di rischio che si è disposti a prendere per una data posizione. Ci sono molte strategie di gestione del denaro, probabilmente tanti quanti sono gli strateghi finanziari, ma tutte queste strategie hanno un solo tema centrale: prevenire l’esposizione ad un alto rischio.

Le regole di trading e di money management hanno salvato più di un commerciante. In sostanza, la bellezza di questo sistema è nella sua semplicità: modifica il tuo livello di rischio per ogni commercio a circa l’1%. Se hai fiducia nel tuo sistema di trading, il rischio per una sola posizione può arrivare fino al 3%. Non correre mai un rischio maggiore al 3%, dato che non stai facendo gioco d’azzardo, ma un investimento commerciale.

Per esempio: l’1% del rischio di un conto da 1.000 dollari è equivalente 10 dollari. Dunque il tuo stop loss deve essere regolato in modo che non si perda mai più di 10 dollari per ogni posizione aperta.

Semplice, no? Allora perché i trader non rispettano il limite della perdita percentuale nella loro gestione del trading? Il fatto è che i trader solitamente sono alla ricerca di una crescita stabile a basso rischio e a lungo termine. Nel prossimo articolo continueremo a parlare delle regole del Money Management.

Lascia un Commento