Risultati Vendite Auto: settore critico per l’economia

Risultati Vendite Auto: settore critico per l’economia
Redazione

Scritto da:
Redazione
Categoria:
Economia mondiale
Ultimo aggiornamento:
4 marzo 2009



In Francia le vendite di auto sono calate drasticamente; in casa Renault le immatricolazioni sono scese quasi del 40%, Citroen ha perso il 35% e Peugeot quasi del 30%. Cali consistenti si sono verificati anche per le tedesche Volkswagen (-10%) e BMW (-15%).
Volkswagen ha chiuso il 2008 con un utile netto in rialzo rispetto all’anno precedente e propone un dividendo di 1,93 euro per azione rispetto all’ 1,80 euro distribuito lo scorso anno. Il gruppo ha raggiunto tali incoraggianti risultati grazie agli incrementi delle vendite di Skoda e in particolar modo di Audi con i nuovi modelli di A3 e Q5.
In uno scenario decisamente difficile brilla Ford grazie alla produzione della nuova Fiesta e di Ka: grazie a questi nuovi modelli di autovetture la casa automobilistica riesce a limitare le perdite con un -8%, anche se Ford ha annunciato una perdita di 8 miliardi di dollari nel quarto trimestre 2008. In particolare è il settore Ford Motor Credit a subire pesanti perdite e nel 2009 verrà tagliata il 20% della forza lavoro, licenziando circa 1.200 dipendenti.
Anche Fiat dovrebbe far registrare perdite del 35/40% (devono ancora essere comunicati i dati ufficiali) anche se è stato calcolato un incremento della quota di mercato in salita dal 4,7 al 4,1%. Lorenzo Sistino, responsabile del brand Fiat ha sottolineato come il lancio della Fiat Grande Punto a metano stia dando risultati molto incoraggianti con grandi numeri, facendo leva sul fatto che si tratta di un’auto ecologica e a buon prezzo. Alfa Romeo inoltre ha dato risultanti molto positivi per le immatricolazioni di Febbraio, trainata dal successo della Mito.
Tra i marchi più significativi, il risultato peggiore si conferma, come a gennaio, quello di Toyota, con il 41,6% di immatricolazioni in meno e una quota di mercato che scende dal 5,38% al 4,15%.
Reverberi Erica

Lascia un Commento