RSI, la sua utilità

RSI, la sua utilità

Scritto da:
The Economist
Categoria:
Lavorare da Casa col Forex
Ultimo aggiornamento:
3 ottobre 2012



Molti trader forex ritengono che il Relative Strength Index, acronimo di RSI, sia solo un oscillatore grafico che fornisce delle letture delle condizioni di ipercomprato e di ipervenduto, così come delle indicazioni relativamente in merito alle divergenza tra prezzo ed indicazioni. In realtà, l’RSI è più di questo.

Come uno degli indicatori più popolari del Forex, l’RSI è stato introdotto da J. Welles Wilder nel 1978. La formula di calcolo di questo indicatore è abbastanza semplice, dato che matematicamente è solo un confronto dell’entità dei guadagni recenti rispetto alle perdite recenti. Molti trader agiscono usando un timeframe predefinito di 14 periodi, anche se qualsiasi altra impostazione può essere facilmente utilizzata in base a come si ama fare trading e testare il forex.

La stragrande maggioranza degli operatori tecnici e degli analisti che utilizzano l’RSI, lo fanno come strumento di conferma per la lettura dei mercati. Durante una fase di trend, l’RSI può essere un indicatore molto utile. Durante una fase di uptrend, l’RSI spesso non riesce a raggiungere costantemente la zona di iper venduto, ovvero un valore inferiore a 30, mentre riusce a raggiungere spesso la zona di ipercomprato, ovvero sopra a 70. Al contrario, durante i trend in calo l’RSI non riesce a raggiungere la zona di ipercomprato, ovvero sopra a 70, ma riusce spesso a raggiungere la zona di iper venduto, ovvero un valore inferiore a 30.

Tenendo questo a mente, un trader ha delle indicazioni chiare su come poter agire sia quando il mercato si muove in salita che quando il mercato si muove in discesa. Ecco dunque che l’RSI si conferma essere uno degli indicatori più utili per investire nel mercato del forex, usato da tanti operatori di trading, secondo i modi migliori per fare trading che ognuno di essi più mettere in pratica. Concludiamo dicendo che l’RSI è un indicatore ottimo anche per i meno esperti.

Lascia un Commento