Settimana nera: Indice MIB in calo del 15,6%

Settimana nera: Indice MIB in calo del 15,6%
Redazione

Scritto da:
Redazione
Categoria:
Borse
Ultimo aggiornamento:
7 marzo 2009



Giornata ancora negativa, da dimenticare, per Piazza Affari quella di ieri, chiusura di seduta in calo condizionata dall’andamento negativo di Wall Street, e fa registrare una perdita dell’ indice Mibtel del 3,87%, mentre l’S&P/Mib cede il 4,64%. Settimana disastrosa, con l’S&P Mib in calo del 15,6% in una settimana; Piazza Affari è risultata ieri ancora una volta la peggior piazza in Europa; influenzata sicuramente dalle perdite dei titoli bancari ultimamente sempre capofila dei ribassi.

Percentuali di perdita a due cifre per Unicredit (-10,40% a causa della riduzione del target price effettuato da Ubs), UBI Banca (-8,02%), Intesa SanPaolo invece dopo aver toccato un -16% ha dimezzato la perdita in chiusura perdendo il 7,40%. Generali invece ha subito un calo quasi del 6% raggiungendo i minimi storici da 15 anni, che ha pagato il taglio del rating da “add” a “neutral”. In forte ribasso del 5,75% è stato fatto registrare da Eni, a causa della possibilità che l’azienda possa tagliare il dividendo del 2009 (il titolo ha subito anche ieri una perdita del 7,5%).

Come sostengono molti analisti, il report di JP Morgan nel quale è stato evidenziato il rischio default dell’Italia, ha influito notevolmente sulla perdita del mercato di ieri. E’ intervenuto il premier Berlusconi a “tranquillizzare” gli investitori: “La crisi c’è, ma viene vissuta in modo drammatico dai media”.
Tra i titoli in controtendenza, troviamo Lottomatica, che ha registrato un incremento del 6,7% grazie al giudizio di Goldman Sachs che ha riemesso un giudizio di raccomandazione “buy” sul titolo; stesso discorso per Prysmian che dopo essere stata sospesa per ribasso, ed essere scesa sotto il valore di 6 euro, ha recuperato durante la seduta e ha chiuso in salita del 2,5%. Anche Italcementi ha chiuso in positivo del 2,56%, Fastweb in crescita del 1,56% e Fiat ha registrato una minima crescita dello 0,25%.
Reverberi Erica

Lascia un Commento