Spagna, si cerca di risolvere la crisi del settore immobiliare

Secondo il FMI, il Fondo Monetario Internazionale, la “bad bank” creata dalla Spagna nel tentativo di alleviare la crescente pressione sugli sprechi del patrimonio immobiliare ha mostrato sta avendo come effetto quello di ridurre i prezzi delle case . Gli sforzi compiuti dal governo spagnolo per salvaguardare il valore delle proprietà nel mercato può essere sopraffatto, alla fine, dai volumi degli acquisti da parte di questa banca. I rapporti pubblicati dal FMI hanno detto che la Commissione europea ha approvato gli acquisti e che la “bad bank” acquisterà delle proprietà precluse ad altri istituti di credito, che stanno avendo problemi a trovare investitori.

Il presidente del programma di salvataggio, Fernando Restoy, ha detto che lo sconto medio a cui tali proprietà sarebbero state vendute sul mercato sarà superiore al sessanta per cento. Tuttavia, ha continuato a dire che i prezzi non devono essere legati al resto del mercato immobiliare del paese, nel quale si è visto un calo del 30% nel valore delle case vendute nel resto del paese.

Il rapporto pubblicato dal Fondo monetario internazionale ha detto che riuscire a trovare una soluzione a questo problema non sarà una cosa facile, anche considerando la situazione sempre più complessa del settore immobiliare spagnolo. Nel frattempo, la più grande banca del paese, Bankia, in coda per ricevere i fondi di salvataggio da parte degli istituti di credito europei, ha previsto di tagliare circa 6.000 posti di lavoro entro quest’anno, più di un quarto della sua forza lavoro, mentre fa registrare una perdita di circa 19 miliardi di euro.

Su base mensile, il volume delle transazioni registrate in Spagna per quanto riguarda il settore immobiliare è sceso di circa il 70 per cento dal picco del mercato nel 2007. La ragione di questo calo significativo è stato attribuito al calo dei mutui ipotecari, scesi di oltre l’85 per cento.

Questa voce è stata pubblicata in Economia mondiale e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Lascia un Commento