Stop-Loss e Take-Profit

Stop-Loss e Take-Profit risultano sicuramente tra gli elementi più rilevanti da valutare in merito ad un’operazione di trading. Il corretto uso di questi concetti può infatti ottimizzare la performance globale. Il conseguimento di un utile elevato deve inevitabilmente passare da un’adatta comprensione e utilizzo di questi strumenti.
Lo stop-loss serve a limitare le perdite e per un trader è molto importante preoccuparsi di questo .
Possono esserci 4 risultati quando si opera sul mercato:
• Piccole perdite
• grandi perdite
• piccoli guadagni
• grandi guadagni.
Eliminando le grandi perdite grazie all’utilizzo dello stop-loss riusciremo ad ottenere profitto.
I trader di successo limitano le perdite utilizzando questo strumento decidendo in quale situazione vendere prima ancora di acquistare, eliminando così la possibilità di farsi cogliere da emozioni negative, paure, speranze e avidità che non giovano a chi opera sul mercato azionario.
Ogni stop-loss per il professionista è un costo di gestione che viene già considerato a priori.
Un corretto controllo delle perdite, infatti, ci permette di non cadere in loss trap che ci può distruggere a livello psicologico ed economico che ci impediscono di sfruttare nuove opportunità future.
Lo stop-loss come abbiamo detto risulta fondamentale per limitare le possibili perdite causate dalla caduta di un titolo.
Analizzando bene un grafico e l’andamento di una determinata azione riusciremo a trovare punti di supporto e resistenza. Comunemente quando un titolo rompe al ribasso un punto di supporto questo cadrà in discesa libera perché tutti gli investitori venderanno per paura di ottenere grandi perdite. Per far fronte a questa situazione e prevenire vengono fissati degli stop-loss che venderanno in automatico quando il titolo romperà il prezzo da noi inserito.
La stessa cosa ma in situazione opposte viene svolta dal take profit.

Take profit

I trader di successo sanno quando devono ritirare il loro profitto senza farsi prendere dall’ingordigia ,sentimento comune all’essere umano che abbagliato da possibili grandi guadagni non si accontenta andando per lo più delle volte ad annullare tutto il loro utile accumulato grazie a scelte vincenti.
Fissando intelligentemente un prezzo take profit il titolo verrà venduto automaticamente quando verrà toccato questo livello.
Se ad esempio notiamo che un certo titolo ha un punto di resistenza molto forte noi fisseremo un take profit appena sotto questo livello in modo da prendere un buon profitto anche se vi sarà una spinta verso il basso.
Nel caso il punto di resistenza dovesse essere superato con quindi un buon margine di crescita ulteriore potremo sempre riacquistarlo in un secondo momento.
Molto importante è anche la strategia in situazione di crescita di un titolo di alzare il livello stop-loss.

Esempio: acquistiamo un titolo al prezzo 18. Noi abbiamo fissato un stop-loss al prezzo 16.50, il titolo continua a salire fino a 20. Alzeremo allora il nostro stop-loss al prezzo 18 ad esempio in modo da non vendere il titolo lasciando correre i profitti ma assicurandoci di non avere perdite.

 
antonio.parisi@live.com

Info su Antonio Parisi

Dottore in Economia dei Mercati Finanziari e specializzando in Economia e gestione delle imprese presso l’Università degli studi di Pavia. Ventiquattro anni e da ormai cinque ha intrapreso un percorso universitario prettamente indirizzato verso il mondo della finanza, interessandomi dei mercati , del loro funzionamento e caratteristiche e coltivando personalmente la passione per il trading online. All’età di diciannove anni mi sono trasferito a Pavia per affrontare i miei studi in maniera autonoma, riuscendo ad ottenere una prima Laurea e togliendomi tante soddisfazioni scolastiche e personali.
Questa voce è stata pubblicata in Trading operativo e analisi tecnica e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un Commento