Swing trader, gli orari di mercato

Swing trader, gli orari di mercato

Scritto da:
The Economist
Categoria:
Tecniche Forex
Ultimo aggiornamento:
30 gennaio 2010



Continuiamo l’analisi della giornata di lavoro di uno swing trader, riprendendo da dove avevamo lasciato qualche articolo fa.

Le ore di mercato sono una misura da prendere in considerazione per la negoziazione. Gli swing trader guardano spesso a chi compra e a chi vende e agli importi di negoziazione. Non appena essi riescono a trovare uno scambio importante ed entrano nel mercato, gli operatori cominciano già a cercare una possibile uscita. Questo punto di prezzo viene solitamente ricavato utilizzando l’analisi tecnica. Molti swing trader preferiscono usare le estensioni di Fibonacci, i livelli di resistenza o il prezzo del volume. Idealmente, questo calcolo può venire fatto anche prima che la posizione venga aperta, ma molto dipende spesso dallandamento della negoziazione del giorno in corso.

Inoltre, potrebbero essere necessari degli adeguamenti da apportare in seguito a seconda dell’andamento che il trade ha preso. Come regola generale, tuttavia, possiamo dire che non si dovrebbe mai modificare una posizione al fine di assumere più rischi, come ad esempio la pratica di spostare una stop loss più in basso. Anzi, ipotizziamo che il trend siano al rialzo, bisognerebbe regolare i livelli di stop loss al rialzo, per “serrare” i profitti.

Dopo l’orario di negoziazione raramente si aprono nuove posizioni, dato che il mercato è meno  liquido. Dopo la fine degli orari di contrattazione quello che bisognerebbe sempre fare è andare a valutare le posizioni aperte, valutandole attentamente. La valutazione richiede l’osservazione di tutte le attività di trading svolte, anche per individuare le cose che devono essere migliorate.

In conclusione possiamo dire che guardando alla routine quotidiana dello swing trader è evidente che la fare di pre mercato è fondamentale per il successo. Questo è infatti il momento in cui si trovano le migliori opportunità commerciali.

Le ore di mercato sono semplicemente un momento per trovare la migliore entrata ed uscita dalle posizioni, non per elaborare eventuali piani strategici. Infine, dopo l’orario di contrattazione, bisogna rivedere le posizioni aperte durante il giorno e valutare le prestazioni.

Lascia un Commento