I tori-euro in forza dopo la BCE, lo Yuan si indebolisce

I tori-euro in forza dopo la BCE, lo Yuan si indebolisce

Scritto da:
The Economist
Categoria:
Borse
Ultimo aggiornamento:
10 marzo 2014



L’inaspettato calo delle esportazioni cinesi mantiene il sentimento del rischio sottomesso. Oggi l’intervento del PBoC solleva dubbi su una strategia a lungo termine per indebolire lo yuan e sostenere le esportazioni del paese. Le valute del G10 sono per lo più in salita contro l’USD, i mercati azionari asiatici hanno chiuso in rosso. Nonostante l’appetito timido, i cross euro consolidano i guadagni post-BCE. In Giappone, la lettura morbida del PIL tiene lo yen sulle speculazioni che la BoJ potrebbe aggiungere ulteriori stimoli monetari prima che l’aumento dell’imposta sulle vendite diventi effettiva il 1 ° aprile. Le posizioni corte speculative sullo yen perdono il passo.

Euro e tori

La BCE ha avuto un incontro lo scorso 6 marzo che ha avuto delle conseguenze materiali sull’euro nel complesso. Lo spread dei titoli di Stato tedeschi e spagnoli a 10 anni è sceso al più basso dall’ottobre 2010 ( ca. 2,72-73 %). La forza dei dati sulla produzione industriale tedesca di Venerdì non era altro che una scusa per inviare EUR/USD a 1,3915 ( massimo da ottobre 2011). I dati misti di Francia e Spagna non hanno avuto alcun impatto sull’euro.

Nonostante il pullback sulla sorprendente lettura degli NFP negli Stati Uniti il Venerdì, EUR/USD ha ben iniziato la settimana. Avevamo avvertito la scorsa settimana della violazione di 1.3800 al rialzo come quella si cui costruire una base solida. Le offerte abbondano a 1.3800/25 e ci sono delle nuove posizioni al rialzo che si stanno costruendo sopra 1.3900. Tecnicamente, EUR/USD si estende nel canale rialzista da febbraio, con gli indicatori tecnici solidamente rialzisti. Gli occhi sono ora impostati al successivo livello psicologico di 1,4000.

EUR/JPY in salita

EUR/JPY si aggira intorno alla parte superiore del canale rialzista ( 143.50), gli indicatori di tendenza e di momentum sono chiaramente positivi al di sopra della copertura della nube di Ichimoku. Le offerte a 143.00 dovrebbero mantenere il downside in cassaforte questo lunedì. Sul lato positivo, le offerte dovrebbero entrare in gioco nel pre – 144.00. La resistenza chiave si attesta a 145,69. L’escursione dell’imposta sulle vendite ( da 5,0 % a 8,0 %), entrerà in vigore dal 1 ° aprile ed i dati economici restano fragili per portare in auge tale imposta.

Nota rapida sulle esportazioni cinesi

Le esportazioni cinesi sono crollate del 18,1 % a febbraio, ravvivando i timori sulla crescita fragile. A differenza del precedente intervento della banca centrale per aggiungere volatilità, l’intervento di oggi fa rivivere la speculazione su un possibile cambiamento di politica per indebolire lo yuan ed aiutare gli esportatori, dato che la forza della moneta è una preoccupazione per la competitività cinese.

Lascia un Commento